“Il Mandarino” il B&B per le vostre vacanze a Furci Siculo, di Mario Liberto

Furci Siculo – La cittadina di Furci Siculo, distesa sulla bellissima spiaggia di ghiaia della costa Jonica, occupa la parte centrale della Valle dell’Agrò. Posizione invitante per coloro che amano la tranquillità, la serenità, il piacere del mare e soprattutto la spesa contenuta. Il vantaggio di questo amabile paesino è quello di trovarsi a 15 Km da Taormina, 25 dalle Gole dell’Alcantara, e ad un tiro di schioppo dalle meravigliose cittadine di Forza D’Agrò e Savoca, entrambe location della saga de “Il Padrino” di Francis Ford Coppola, località piene di sorprese: storia, cultura, etnoantropogia, enogastronomia, ecc. La Valle dell’Agrò è anche la patria dell’IGP Limone Interdonato, che da vita alla meravigliosa granita alimento per tutte le occasioni: colazione, pranzo, merenda e cena. Il primato di “migliore granita” dell’intero territorio spetta alla sig.ra Maria del Bar “Vitelli” di Savoca che accosta all’antico sciarbat la “zuccarata”, un particolare biscotto intrecciato che ricorda i quaresimali. Furci Siculo si propone come luogo ideale per trascorrere una vacanza spensierata e in allegria. Tra le varie soluzioni per alloggiare suggerisco i diversi graziosi bed & breakfast. Personalmente sono stato dal B&B “Il Mandarino” della sig.ra Sara Briguglio (nella foto), persona di una dolcezza e un modo di fare che ricordano le vere dame siciliane. La struttura, con le sue tre stelle recentemente ristrutturato, è dotato di aria condizionata, TV satellitare, della connessione wireless e di una biblioteca, con volumi in diverse lingue. Inoltre, la struttura ospita anche gli amici a quattro zampe, ciò la dice tutta sull’affidabilità di Sara. La colazione viene servita in un’ampia sala, a scelta degli ospiti può essere variata anche con la presenza mattutina di una bella granita e brioche. Il prezzo è contenuto, ma quello che conta è sentirsi come a casa propria e Sara sa fare anche di più.

Precedente Le Sagre dei Comuni Sicani, Fattore di sviluppo locale e promozione delle diete dei centenari, di Ferdinando Russo Successivo Il nuovo libro di Pino Blanda: “Le vie dello zolfo”, di Mario Liberto