Pino Blanda: I colori del sacro – La festa di S. Giuseppe a Lercara Friddi, di Mario Liberto

Pino Blanda torna a scrivere e lo fa in “silenzio” com’è il suo stile di vita, scegliendo un argomento di grande  fede  popolare: “I colori del sacro – La festa di S. Giuseppe”. Il volume ricostruisce in maniera semplice ed esaustiva la festività del padre putativo di Gesù a Lercara Friddi. Per fare ciò, si affida ad una intelligente “serie” da lui ideata “I quaderni della memoria”. E proprio alla memoria ed ai suoi custodi  che si affida per raccontare “… le atmosfere di un mondo amato ed irrimediabilmente perso”. Nostalgia che riesce a far rivivere anche al lettore, rendono la pubblicazione di una tenerezza ed una sublimità che trova pochi eguali. Il libro oltre a conservare la memoria si rivolge alla popolazione lercarese  che nel tempo ha saputo difendere la tradizione. Ed il libro è una dedica ai “custodi della memoria”, di cui Pino eccellentemente dice: ”Riproduzioni che, con le proprie scansioni temporali e cromatiche, immortalano la passione ed il tocco sacro dei promotori nell’allestimento delle tavolate. La loro puntigliosa cura dei particolari, la ricerca del giusto accostamento, l’eleganza della composizione, il rispetto massimo del rituale tramandato dagli avi. Ritratti e frammenti su una devozione popolare che in Lercara Friddi vanta una tradizione plurisecolare. Spaccati di un popolo, che nella sofferenza e nell’umiltà ha costruito la sua storia. Lercara Friddi: terra di origine di contadini e zolfatari, di artigiani e borghesi accomunati dallo “spirito di fratellanza” nella celebrazione degli eventi sacri. Civiltà di un paese che ha saputo tutelare la valorizzazione di un “bene” straordinario del proprio territorio”. L’autore riesce puntigliosamente a raccontare la ritualità della festa evidenziando l’allestimento della “tavolata”, la rappresentazione della Sacra Famiglia  e terminando, con una fedele ricostruzione attraverso il profilo storico, della Chiesa di San Giuseppe ed il Collegio di Maria. Il corredo iconografico, davvero prezioso, poiché evidenziano l’attività culturale di Pino, ma anche perché, basta solo questo,  per raccontare la grande devozione della tradizione lercarese al Patriarca S. Giuseppe. Una festa che proprio grazie alla sua attività di Assessore alla Cultura qualche anno addietro ha rispolverata facendola diventare un appuntamento annuale di grande richiamo per l’intera popolazione. Peccato che Pino non si è soffermato sullo studio della foggia dei pani e sui significati religiosi, argomento che sarebbe capace di trattare magistralmente. S. Giuseppe è il santo della Provvidenza e sicuramente ispirerà Pino a completare il suo lavoro di ricerca così prezioso e fondamentale “…per porgere un meritato tributo a quanti negli anni si sono sforzati di riproporre usanze e costumi, quali espressioni di armonia e speranza di una comunità che vuole credere nel proprio futuro”.

Precedente I Prodotti dell’Isola del sole Successivo Bianca Di Miceli l'ultima 'ngiratara, di Mario Liberto